Pagine

17 dic 2011

Cromoterapia! ;)

Ultimamente ho dovuto un po' abbandonare il blog: tra la preparazione di un esame e dei vari regali di Natale, non ho proprio il tempo di finire i lavori abbandonati a metà e nemmeno di fotografare l'ultimo quaderno rilegato! Però oggi a Roma c'è una giornata così uggiosa e triste, che mi ha fatto venire voglia di colori che mettessero allegria, così ho pensato di farvi vedere 2 vecchi lavori all'uncinetto.

Come dicevo qualche post fa, quando faccio una coperta mi avanza sempre della lana, con i rimasugli della prima coperta patchwork mi sono fatta una sciarpa e un cappello coloratissimi e belli caldi, perfetti da sfoggiare in una giornataccia come questa!




Chi ha dei gatti sa bene come sia praticamente impossibile fare qualcosa senza che loro vengano a impicciarsi, ad osservare, annusare, mordicchiare e a sedersi sopra ciò a cui siete interessati in quel momento... quindi, 2 cuccioli di appena 2 mesi, potevano mai resistere di fronte alle invitanti frange di una sciarpa??? :D


Per fortuna sono riuscita a limitare il "mordi e graffia", ma non c'è stato verso di togliere Vega dall'inquadratura! Ora la micia ha più di un anno ed è cresciuta parecchio, ma è rimasta una bella peste e la tengo ben lontana dalla mia sciarpa preferita!

03 dic 2011

Contrasti

Sono vittima di un sopruso: questi fogli gialli e verdi si sono imposti e hanno deciso autonomamente la carta di Lokta, il nastro di raso e il filo cerato con cui abbinarsi! Io non ho avuto alcuna voce in capito, mi sono limitata a mettere insieme il tutto e ad aggiungere qualche goccia di acquerello, quindi se non vi piacciono gli abbinamenti non prendetevela con me! :P


Anche questi due sono formato A7 (circa 7,5x 10,5 cm); quello giallo e azzurro contiene 160 pagine, mentre l'altro è più corposo: più o meno 216 pagine!



Ancora legatura copta, lo so sto diventando noiosa, ma date le dimensioni dei quaderni, credo che sia il tipo di legatura più adatta per poterci scrivere comodamente!




 Ultima foto, con la mia amata stilografica, per dare un'idea delle dimensioni.


Ho altri fogli di altri colori per fare quaderni di questo formato, ma ancora non mi hanno fatto sapere come vorrebbero le copertine!

Buon fine settimana :)

29 nov 2011

L'albero della vita

La settimana scorsa sono stata parecchio produttiva per quanto riguarda i quaderni, ma non sono altrettanto veloce nell'aggiornare il blog! Rimedierò poco alla volta...

Anni fa avevo comprato un quadernino, di quelli con il rivestimento della copertina staccabile, con sopra uno dei miei quadri preferiti: l'Albero della vita di Klimt. Una volta finito il quaderno, non ho pensato nemmeno per un istante di buttare quella bellissima carta, ovviamente, così l'ho messa da parte in attesa del modo giusto per utilizzarla e ora è diventata la copertina di un nuovo quadernino... che fantasia, eh?! :D



E' un formato A7 (circa 7,5x 10,5 cm) e contiene all'incirca 160 pagine contando entrambe le facciate.



E' stato difficile riuscire a fotografare questo quaderno: la carta, lucida e cangiante, non veniva mai del colore giusto, oppure era sempre troppo luminosa da una parte... un vero incubo! -.-
Alla fine l'ho spuntata e sono riuscita, più o meno, a catturare quel colore, anche se resta comunque più bello dal vivo...

28 nov 2011

Viola&Verde, mon amour!

La cosa che più mi piace di quando faccio le coperte, a parte il fatto che mi rilasso tantissimo, è che poi mi avanza sempre un sacco di lana colorata con cui mi posso sbizzarrire!! :D
Di ogni colore non me ne rimane tantissima di solito, ma, sommandoli tutti insieme, riesco sempre a tirare fuori una bella sciarpa o un cappello multicolor!
Con l'ultima copertina fatta, quella a onde per il mio nipotino, di lana me ne era avanzata parecchia, perciò ne ho approfittato per combinare qualcosa con la caterinetta che mi sono comprata. Anche lavorare con quest'attrezzo è una cosa che mi rilassa molto, ma dopo aver fatto un paio di tubolari mi ero resa conto che non sapevo cosa farci di preciso... alla fine, dopo averci rimuginato sopra parecchio, ho optato per uno scaldacollo viola e verde, il mio abbinamento di colori preferito, con anche un tocco di grigio come "base".
Non è stata sicuramente un'idea originale per uno scaldacolo, però come primo esperimento senza aver seguito nessun tutorial o modello, mi ha soddisfatta abbastanza! 

Poi, visto che per fare i tubolari non ho usato tantissima lana e che i bellissimi guanti senza dita di Airali mi hanno fatto venire voglia di provare a farne un paio per me, mi sono lanciata anche in quest'altro esperimento!
Ho passato una serata a cercare, e accumulare, tutorial per questo tipo di guanti, poi però mi sono fatta prendere dalla pigrizia di tradurre dall'inglese... dalla pigrizia di adattare l'eventuale modello scelto alla lana a disposizione e alle mie mani... dalla voglia di sperimentare e di fare di testa mia.. così alla fine li ho lasciati perdere tutti: provando e riprovando e prendendo appunti, è venuto fuori il mio primo paio di guanti, e ora non li lascio mai a casa! 

Ora basta chiacchiere, ecco il risultato dei due esperimenti :D

La lunghezza dello scaldacollo è sufficiente per fare 2 giri intorno al collo.
Per imparare a fare i tubolari, ho seguito il Tutorial della caterinetta di Méli-Mélo, che trovo semplice e chiarissimo, grazie mille!

I tubolari sono morbidissimi ed elastici, quindi lo scaldacollo non è ingombrante e non stringe, poi la doppia fila di bottoni mi permette di regolarlo a seconda di quanto lo voglio aderente.



I guanti li ho decorati con dei semplicissimi fiorellini, sempre fatti ad uncinetto. Forse se li avessi cuciti per i petali non si arriccerebbero così tanto, ma al momento mi piacciono così!


Sono dei guanti molto caldi, oltre che molto comodi, ma devo dire che i miei poveri pollici si sentono un po' troppo ignudi rispetto alle altre dita... quindi prima o poi mi deciderò ad aggiungere un paio di altri giri per proteggerli meglio dal freddo!
(Lo so, da questa foto non sembrerebbe, ma vi posso assicurare che i guanti hanno le stesse identiche dimensioni!!!  Forse prima della foto avrei dovuto "stirarli" meglio...)

Con questi due esperimenti mi sono divertita parecchio e i risultati mi sono piaciuti... magari è capace che,  con il resto della lana avanzata, ci scappa pure qualche regalino di natale!! :D

26 nov 2011

Japan mood

Sono in partenza per la Sardegna, vado finalmente a portare a mia zia la coperta all'uncinetto che ho finito qualche settimana fa!
E visto che ci sono, ho deciso di fare un regalino a una cugina che vive lì, appassionata di disegno e del Giappone: un quaderno formato A5 (15x21 cm), che contiene all'incirca 150 pagine (contando tutte le facciate), cucito con la legatura copta così si apre per bene e può disegnarci sopra al meglio!
Sulla copertina ho incollato la cartolina di un bellissimo quadro di Hiroshige, presa ad una mostra stupenda che ho visto qualche anno fa.
"The Satta Coast in Suruga Province", Hiroshige

Forse dalle foto non si vede bene, ma il filo cerato è dello stesso identico colore del nastro di chiusura, ce li avevo per puro caso! :D


Lunedì torno e avrò diverse cosette nuove da mostrarvi, sia all'uncinetto che altri quaderni in legatura copta (ultimamente mi ci sto esercitando parecchio!), che attendono di essere postate da qualche giorno. 
Buon fine settimana! :)

23 nov 2011

Una sera d'autunno all'improvviso...

...può capitare che un piccolo incidente di imbranataggine, come strappare un foglio che andava solo piegato, faccia nascere uno slancio di ispirazione!

Da quando ho iniziato a rilegare, metto da parte ogni ritaglio che sia sufficientemente grande per diventare le pagine di un quaderno. Buttare un foglietto solo perché ha un piccolo strappo è per me un peccato mortale, quindi mi è sembrata una buona idea farlo diventare un nuovo mini quaderno, anche perché era da un po' avevo messo da parte la legatoria per l'uncinetto!

Alla fine la ricetta è stata semplice: ritagli di fogli colorati, avanzi di cartoncino, filo cerato, carta da pacchi e decorazioni floreali "rubate" al blocco dei fogli... ed ecco cosa ne è venuto fuori!


Avevo voglia di colori caldi e tenui, che mi ricordassero l'autunno... 




Infine, una foto per le dimensioni, comunque è grande all'incirca 3x3,7 cm.



E' stato bello tornare alla legatoria, mi ha dato lo slancio per rimettermi subito all'opera! :D

11 nov 2011

Benvenuto Davide!

A un bimbo appena nato si possono regalare tante cose, ma i regali fatti le proprie mani sono quelli più belli, più personali, e sono anche un modo per dimostrare il proprio affetto. 

Per me che sono freddolosa, l'autunno significa iniziare ad avvolgersi con lana morbida e colorata... perciò, per il mio nipotino nato a fine ottobre, cosa potevo fare se non una copertina all'uncinetto?!? :D


Invece dei soliti quadratoni, stavolta strisce ondulate e 5 colori di lana super morbida!
Per realizzare questo motivo ondulato ho seguito il tutorial di Attic24: Neat Ripple Pattern, il suo coloratissimo blog merita assolutamente una visita!!


Un bordino nero magari avrebbe fatto risaltare di più i colori, ma il grigio chiaro mi sembrava meno cupo e più adatto per dare il benvenuto a un bimbo.


Avendo finito la copertina all'ultimo secondo (e a tempo di record: solo 1 settimana!!!!), ho dimenticato di misurarla... comunque, è perfetta per il lettino e piegata a metà va bene anche per il passeggino. 

Per portare il regalo al piccolo Davide, mi sono fatta un bel viaggio in treno di 4 ore, passate a finire le ultime  strisce della coperta, ed è stato divertente vedere le reazioni dei miei compagni di viaggio: prima mi osservavano di sottecchi, poi con più interesse e alla fine mi hanno anche fatto delle foto senza nemmeno chiedermi se mi andava bene!!! Però ho ricevuto anche molti complimenti, quindi ho perdonato la loro sfacciataggine! ;-)

10 nov 2011

Un po' di colore qui, un po' di colore lì..

Dato che ultimamente avevo dei lavori all'uncinetto da finire, ho avuto poco tempo per dedicarmi alla legatoria, così vi faccio vedere qualche quaderno fatto a settembre/ottobre!

Di solito, per rivestire le copertine dei miei quaderni utilizzo carta, pelle oppure la tela da legatoria, però ogni tanto ho voglia di personalizzarle un po' di più e allora tiro fuori gli acquerelli! In realtà non sono per niente brava a dipingere (coi pennelli è meglio se mi limito a stendere la colla...), ma con gli acquerelli non posso resistere: adoro come il colore si stende sulla carta, le sfumature delicate che si formano... Quindi, messi da parte pennelli o qualsiasi idea di creare un vero e proprio disegno, mi limito a stendere il colore con una spugnetta per poi cospargerlo di sale grosso, oppure, come in questo caso, a riempire il foglio di macchie di colori aiutandomi con... una siringa!! Non verrà fuori un capolavoro, ma il risultato non mi dispiace e mi diverto a "dipingere" così! :)

Il primo quaderno è grande circa 15x21 cm, i fogli interni sono di carta riciclata azzurra, copertina in mezza tela con angoli e capitelli sempre in tela. L'idea iniziale era di cucire i capitelli a mano utilizzando vari fili colorati, ma poi la pigrizia e la voglia di vedere il quaderno finito hanno preso il sopravvento e ho optato per la strada più semplice e veloce... a dire il vero un po' mi sono pentita di questa scelta, sarebbe stato carino il capitello multicolor... la prossima volta niente scorciatoie!!! 





Dopo aver fatto questo quaderno mi erano rimasti due ritagli a forma di L della carta colorata ad acquarello, visto che di buttarli non se ne parlava proprio, ho pensato di usarli per le copertine di altri due quaderni. 
Stavolta legatura copta.


Per cucire i quaderni ho usato del filo cerato, le copertine sono rivestite con carta di Lokta; quello turchese è grande all'incirca 18x10 cm, mentre quello rosso 16x11 cm. I fogli interni sembrano tanti perché sono spessi, in realtà sono 26 per il primo e 20 per il secondo (quindi 52 e 40 facciate).





Ho sempre litigato abbastanza con questo tipo di legatura: l'aggancio della seconda copertina mi veniva troppo lasco, oppure se tiravo troppo il filo dopo il quaderno si chiudeva male...
In questo caso, invece, ho provato ad agganciare i piatti in maniera diversa dal solito: ho cucito la copertina dopo l'ultimo fascicolo e non insieme, quindi al centro dell'ultimo fascicolo la cucitura è doppia perché ci si passa due volte, ma almeno in questo modo è più facile riuscire a fissare bene la copertina! 

La legatura copta è più difficile di quanto sembri, ma comunque mi piace molto perché permette di aprire i quaderni perfettamente piatti, molto comodo per scriverci!

27 ott 2011

"Winter is coming"...

e quindi, qual'è il modo migliore per prepararsi? Finire la coperta all'uncinetto, ovvio! :D :D


Questa è la storia di come dal caos...


...si possa costruire l'ordine...


...per poi farlo diventare...
un caos più ordinato!! ;-)


Amo fare questo tipo di coperte, è un tipo di lavorazione semplice, un gomitolo alla volta i quadratoni si accumulano e alla fine, la parte che preferisco, armonizzare i colori!


Qualche dettaglio tecnico: la coperta è in pura lana merino extrafine, lavorata all'uncinetto; per farla ho usato 63 gomitoli colorati, 16 colori (nelle prime 2 foto mancano le 3 sfumature di verde), più un numero imprecisato di gomitoli neri. Ogni quadrato è praticamente un gomitolo intero, perciò la coperta pesa all'incirca 3,5 kg (contando un po' di nero!). 
E' per un letto a una piazza e mezza, ma sembra più piccola di quanto non sia in realtà dal momento che per la foto l'ho stesa su un letto a due piazze! Comunque, è grande all'incirca 1,80 x 2,30 metri.

Ultima foto, con un particolare del bordo ondulato della coperta.



E' la seconda coperta patchwork che faccio, la prima è praticamente identica: è giusto un po' più grande, alcuni colori sono diversi e la disposizione, ovviamente, anche. Se siete curiosi, la potete vedere nel mio album flickr! :-)

A breve spero di poterla portare alla zia a cui è destinata, nel frattempo ho iniziato a farne un'altra, molto più piccola stavolta dato che sarà per un bimbo che sta per nascere!


26 ott 2011

Artigianalmente, La Rivista!

E' uscito il terzo numero della rivista del forum Artigianalmente!

La rivista è gratuita, potete vederla e scaricarla semplicemente cliccando sull'immagine qui sotto, oppure potete arrivarci da QUI, così date anche una sbirciatina al forum! ;-)
Dentro ci troverete alcuni tutorial per tecniche diverse, ricette, interviste e idee per Halloween e Natale... buona lettura!




I numeri precedenti della rivista, invece, li potete trovare nel blog Artigianalmente La Rivista.

Fateci sapere cosa ne pensate! :)

25 ott 2011

Verba volant, scripta manent.

Ovvero, cogli al volo l'idea, il pensiero, e mettilo per iscritto prima di dimenticarlo! ;-)

Con questa filosofia in mente, ho rilegato due mini quaderni con la copertina in pelle. Entrambi hanno una catenella che può servire per attaccarli ad un portachiavi, alla borsa, oppure ad uno di quei segnalibri di metallo così ci possiamo appuntare le nostre citazioni preferite!

Il primo è grande all'incirca 3x4 cm, contiene 64 fogli (ovvero 128 facciate), i capitelli sono cuciti a mano, le sguardie sono carta marmorizzata.
 Questo è il mio preferito!



Quello nero è leggermente più grande, ha meno fogli, i capitelli sono semplici in tela da legatoria lilla, mentre le sguardie le ho colorate con l'acquerello.


Ho da parte moltissimi ritagli di pelle che aspettano solo di diventare copertine per altri miniquaderni, quindi questo è soltanto l'inizio!

23 ott 2011

Nuovo header, nuovo look!

Lo so, può sembrare incredibile che, dopo 2 settimane scarse dalla nascita del blog, abbia già deciso di cambiargli look! 
La verità è che l'intenzione c'era fin dall'inizio, l'header che avevo creato non mi convinceva, mi era venuto un po' diverso da come l'avevo pensato: troppo colorato, troppo pieno, troppo infantile in un certo senso... insomma, da cambiare! E poi, a parte i quadernini, l'immagine che avevo utilizzato per lo sfondo non era mia, l'avevo scaricata millenni fa da un sito di cui ho perso memoria. Un motivo in più, quindi, per fare un nuovo header!

Più che l'originalità, mi interessava che fosse qualcosa  di semplice, giusto un'immagine, una foto scattata da me, e il titolo. Il libro che ho fotografato me l'ha regalato mio padre: " piccolo trattato di Fisica", del 1880. L'ho scelto perché studio fisica, perché mi piace sperimentare e, dopo tutto, questo è il mio piccolo laboratorio!

Per ricordo, ecco il vecchio header:



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...